Società

La meditazione al posto dei castighi a scuola: i risultati sono sorprendenti



meditazione al posto del castigo scolastico

Alla Robert W. Coleman School, un istituto elementare di Baltimora, si adotta un approccio originale per educare alla consapevolezza dei propri errori gli alunni più indisciplinati.

Se i bambini della scuola dell’infanzia si comportano male, piuttosto che punirli con castighi a volte umilianti, non è meglio dar loro l’opportunità di meditare sui propri errori?

Il progetto adottato in una scuola dell’infanzia di Baltimora.

Alla Robert W. Coleman School hanno scelto di adottare un approccio di questo tipo, offrendo agli studenti un’alternativa consapevole alla loro monelleria: la meditazione! Piuttosto che in una classe vuota, lo studente ribelle viene mandato in una stanza chiamata ‘consapevolezza cosciente‘ (la “Mindful Moment Room”). Una camera luminosa e colorata che invita alla calma e al benessere, dove, nelle intenzione dei fautori di questo progetto, dovrebbe avvenire una sorta di liberazione dallo stress per i bimbi. Questo metodo educativo è stato progettato in collaborazione con la Holistic Life Foundation, un’organizzazione dedicata ad aiutare i bambini a sviluppare la loro vita interiore attraverso lo yoga, la consapevolezza e la cura di sé.

meditazione al posto del castigo scolastico

I risultati sono incoraggianti

E, come afferma il coordinatore del progetto alla Robert W. Coleman, i risultati sono stati splendidi, con un incredibile cambiamento di atteggiamento nella maggior parte dei bambini con problemi di aggressività e cattivo comportamento in generale. Alla Coleman, infatti, non si è riscontrata una sola sospensione o qual si voglia provvedimento disciplinare da quando il progetto ha avuto inizio. E a quanto pare sono gli stessi ragazzi a riconoscerne i benefici.

meditazione al posto del castigo scolastico

meditazione al posto del castigo scolastico

educazione scuola




Se ti piace l'articolo condividilo sui social
Share on Facebook
Facebook
2Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on LinkedIn
Linkedin
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...