Lifestyle

Quanta caffeina puoi assumere prima che ti uccida?

quanti caffè prima di morire?



È una domanda difficile, perché ogni persona ha una tolleranza diversa alla caffeina, tuttavia, v’è un dato di fatto interessante: la quantità massima di caffeina assunta da una persona sopravvissuta è di 100 grammi puri, equivalente a circa 1.500 tazze di caffè.

Non è facile morire per aver bevuto troppi caffè (per fortuna!), e ciò rincuora perché il caffè non solo è il carburante che ci dà la forza di andare avanti durante una giornata faticosa, ma un piacere quotidiano di ogni singolo giorno, anche quelli in cui siamo rilassati. Ma la caffeina non si trova solo nel caffè, è un ingrediente fondamentale delle bevande energetiche, ad esempio. Oppure si può consumare perfino pura. La caffeina pura in polvere può avere degli effetti negativi molto gravi, tanto che la FDA americana ne sconsiglia l’uso.

Gli effetti della caffeina sul corpo umano

La caffeina è uno stimolante del sistema nervoso centrale, in quantità moderata (da 200 a 400 mg al giorno), è benefica per la salute, ma a partire da 600 mg al giorno i benefici svaniscono e subentrano effetti collaterali dannosi, come tachicardia e un brusco calo della pressione sanguigna.

La quantità mortale di caffeina

Non possiamo sapere davvero la quantità di caffeina che può essere mortale, perché il livello di tolleranza alla caffeina è molto soggettivo. Le donne sono molto più sensibili alla caffeina rispetto agli uomini, e i giovani hanno una tolleranza minore rispetto agli adulti.
La caffeina ha effetti diversi sulle persone a seconda della loro età, del sesso, del loro peso, del livello di tolleranza, delle condizioni di salute in cui la persona si trova (sia in generale che in riferimento a disturbi specifici), dei farmaci che assume. La caffeina è maggiormente tossica se iniettata per via endovenosa, ma può essere mortale anche se consumata per via orale, rettale e sottocutanea. La dose letale dipende dal modo in cui la sia assume, ma sembra che potrebbe essere, per soggetti particolarmente sensibili, di circa 200 milligrammi per chilo (un po’ meno se iniettata, un po’ più se ingerita).

Dato che una tazzina di caffè contiene circa 50/80 mg di caffeina, se calcoliamo la dose letale per un uomo di 80 kg. (200 mg x 80), ci vorrebbero almeno 320 tazzine di caffè per stroncarlo e solo se egli è in qualche modo più sensibile degli altri ai suoi effetti negativi, mentre per gli altri, per arrivare alla morte, si dovrebbe arrivare vicino (e forse superare) la soglia delle 1.500 tazzine di caffè!




Se ti piace l'articolo condividilo sui social
Share on Facebook
Facebook
1Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on LinkedIn
Linkedin
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...