Lifestyle

Quattro rompicapo per allenare il cervello

allenare il cervello attraverso quiz ed enigmi

Se siete preoccupati per gli effetti che l’invecchiamento potrebbe avere sul vostro cervello, un nuovo studio suggerisce come tenerlo allenato.

Tentare di risolvere quiz, rompicapo ed indovinelli può aiutare a mantenere reattivo il ragionamento negli adulti.

Enigmi diabolicamente difficili sono spesso fonte di divertimento e confronto. Non preoccupatevi troppo se non riuscirete a risolverli, è il cervello umano a essere predisposto a un certo tipo (sbagliato) di ragionamento.

I bambini, i cui cervelli sono più creativi e reattivi, possono, invece, trovare più facilmente la soluzione.

Ecco quattro rompicapo che vi faranno impazzire (tutte le soluzioni si trovano in fondo a questo post):

1. L’euro mancante

Tre persone si recano in hotel, pagano 30 euro al direttore e si dirigono verso la camera.

Il manager ricorda improvvisamente che la tariffa è di 25 euro e dà al fattorino 5 euro da restituire alle tre persone di prima.

Il fattorino pensa che 5 euro sarebbero difficili da dividere tra tre persone per cui intasca 2 euro e restituisce solo 1 euro ciascuno.

Ora ogni persona ha pagato 10 euro e ha ricevuto indietro 1 euro.

Hanno, cioè, pagato 9 euro ciascuno, per un totale di 27 euro. Il fattorino ha intascato 2 euro, per un totale complessivo di 29 euro.

Dove si trova l’euro mancante?


 

2. L’enigma di Einstein

In una strada ci sono cinque case dipinte in cinque colori differenti.
In ogni casa vive una persona di differente nazionalità. Ognuno dei padroni di casa beve una differente bevanda, fuma una differente marca di sigarette e tiene un animale differente.
Domanda: a chi appartiene il pesciolino?
Ecco alcuni indizi:

1) L’inglese vive in una casa rossa.
2) Lo svedese ha un cane.
3) Il danese beve tè.
4) La casa verde è all’immediata sinistra della casa bianca.
5) Il padrone della casa verde beve caffé.
6) La persona che fuma le Pall Mall, ha degli uccellini.
7) Il proprietario della casa gialla fuma le Dunhill’s.
8) L’uomo che vive nella casa centrale, beve latte.
9) Il norvegese vive nella prima casa.
10) L’uomo che fuma le Blends, vive vicino a quello che ha i gatti.
11) L’uomo che ha i cavalli, vive vicino all’uomo che fuma le Dunhill’s.
12) L’uomo che fuma le Blue Master, beve birra.
13) Il tedesco fuma le Prince.
14) Il norvegese vive vicino alla casa blu.
15) L’uomo che fuma le Blends, ha un vicino che beve acqua.


 

3. Una gallina e mezzo

Se una gallina e mezza fa un uovo e mezzo in un giorno e mezzo, quante uova fanno tre galline in tre giorni?


 

4. L’effetto Stroop

effetto stroop

Provate a dire a voce alta il colore con cui le parole sono scritte.


 

Risposte:

1. Effettivamente sembra che manchi un 1 euro, ma non è così. Piuttosto è il modo in cui il problema è formulato che inganna il cervello. Scritto in un altro modo risulta facilmente comprensibile: il direttore ha 25 euro, il fattorino ha 2 euro e ciascuno degli ospiti ha 1 euro.

2. Il tedesco ha il pesce. Il modo più semplice per capirlo è disegnare una matrice:

 

matrice-einstein

3. Tre galline depongono sei uova in tre giorni. Cioè tre galline avrebbero deposto tre uova in un giorno e mezzo. Quando la quantità di tempo raddoppia, anche il numero di uova raddoppia.

4. Il test di Stroop è molto popolare tra gli studiosi ed i neuroscienziati. Si usa per misurare la capacità del cervello di interpretare alcuni stimoli esterni. Agli utenti spesso viene chiesto di eseguire due compiti, il primo dei quali consiste nel leggere le parole così come sono scritte, il secondo nel dire il colore dell’inchiostro usato per scrivere le parole, a prescindere dal testo stesso. L’effetto è legato alla capacità della maggior parte delle persone di leggere le parole in modo più rapido e automatico di quanto possano nominare i colori … anche quando gli viene chiesto di indicare il colore dell’inchiostro, si tende, invece, a dire ciò che è scritto. ”

 

Se ti piace l'articolo condividilo sui social
Share on Facebook24Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...