Letteratura

Premio Strega 2015, il vincitore è Nicola Lagioia con “La ferocia”

Nicola Lagioia vincitore de Premio Strega 2015

Netta vittoria dello scrittore barese. Secondo Mauro Covacich, terza la discussa Elena Ferrante, quarti ex aequo Fabio Genovesi e Marco Santagata.

Se ti piace l'articolo condividilo sui social
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

È stato appena annunciato il vincitore del premio Strega al Ninfeo di Villa Giulia di Roma.
Il vincitore del premio Strega 2015 è Nicola Lagioia con “La ferocia”.

Questa la classifica finale:
1. La ferocia (Einaudi) di Nicola Lagioia, 145 voti
2 La sposa (Bompiani) di Mauro Covacich, 89 voti
3. Storia della bambina perduta (e/o) di Elena Ferrante, 59 voti
4. Chi manda le onde (Mondadori) di Fabio Genovesi, 37 voti
4. Come donna innamorata (Guanda) di Marco Santagata, 37 voti

Scrittori esclusi a sorpresa durante il percorso che ha portato Lagioia a vincere l’importante premio letterario.

Ricordiamo che erano stati esclusi dalla cinquina dei finalisti, tra gli altri, Michele Rech, ovvero Zerocalcare, con il suo Dimentica il mio nome (Bao Publishing) e il cantautore Vinicio Capossela con Il paese dei coppoloni (Feltrinelli).

Breve biografia dei finalisti

Nicola Lagioia è nato a Bari nel 1973 e ha esordito nel 2001 con Tre sistemi per sbarazzarsi di Tolstoj (minimum fax). Conduttore di Pagina3 su Radio3 Rai, editor della narrativa di minimum fax, giornalista per testate online. Ha vinto nel 2010 il premio Vittorini, il premio Volponi e il Premio Viareggio nel con il romanzo Riportando tutto a casa (Einaudi).

Mauro Covacich è nato a Trieste nel 1965. Il suo primo romanzo è stato Storie di pazzi e di normali (Laterza) del 1993, al quale seguono, tra gli altri, Colpo di Lama (Neri Pozza) del 1995, Mal d’autobus (Tropea) del 1997, Anomalie (Arnoldo Mondadori Editore) del 1998, A perdifiato (Mondadori) del 2003, A nome tuo (Einaudi) del 2011. Ha realizzato alcuni documentari radiofonici per la Rai e il radiodramma Safari.

Elena Ferrante è una delle autrici più discusse della letteratura italiana degli ultimi anni. Candidata da Roberto Saviano che ne auspicava la vittoria per ridare prestigio al premio: <<La tua partecipazione romperebbe gli equilibri di un gioco scontato. Questo riconoscimento storico non deve più essere uno scambio di voti e favori>>. L’identità di Elena Ferrante non è mai stata rivelata, cosa che negli anni ha dato adito a varie congetture, tutte smentite. Ha esordito nel 1992 con L’amore molesto, vincitore del premio Procida Isola di Arturo-Elsa Morante, da cui Mario Martone ha tratto l’omonimo film. Ha pubblicato finora otto romanzi, tradotti e celebrati dalla critica negli Stati Uniti ed in Europa. Viene considerata, infatti, come la maggiore autrice italiane del momento. I suoi romanzi sono ambientati a Napoli, e il fatto che sia napoletana sembra una delle pochissime certezze. Ha pubblicato anche una raccolta di racconti per bambini e una di saggi.

Fabio Genovesi è nato a Forte dei Marmi nel 1974. Il suo primo romanzo è Versilia Rock City. Esche vive (Mondadori) è stato tradotto in dieci paesi ed ha avuto un discreto successo negli Stati Uniti. Con Chi manda le onde ha già vinto il premio Strega giovani.

Marco Santagata è nato a Zocca nel 1947. Ha scritto saggi su Petrarca, Leopardi e Dante. Con il romanzo Il maestro dei santi pallidi ha vinto il premio Campiello super. Insegna Letteratura Italiana all’Università di Pisa.

Se ti piace l'articolo condividilo sui social
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...